Sommario

Storia della Galleria degli Uffizi

La Galleria degli Uffizi è una delle più importanti gallerie d'arte del mondo, uno spazio culturale che è stato costruito nel 1560. Oggi gli Uffizi sono diventati una parte inestimabile della cultura e della storia italiana grazie a mostre che esibiscono alcuni dei capolavori più famosi della storia dell'arte. I visitatori non solo possono apprezzare la bellezza e l'abilità necessarie per creare queste opere, ma possono anche farsi un'idea dei movimenti culturali che hanno attraversato l'Europa negli ultimi secoli. Gli Uffizi sono una tappa obbligata sia per gli appassionati d'arte che per gli amanti della storia.

Cronologia della Galleria degli Uffizi

1560: Cosimo I de Medici commissionò a Giorgio Vasari la costruzione degli Uffizi come sede dei servizi amministrativi e giudiziari di Firenze.

1574: dopo la morte di Vasari, il lavoro viene ripreso da Alfonso Parigi e Bernardo Buontalenti.

1581: gli Uffizi vengono inaugurati da Francesco I de' Medici come galleria d'arte.

1769: gli Uffizi vengono aperti al pubblico grazie al Patto di Famiglia stipulato nel 1737.

1869: gli Uffizi sono dichiarati museo nazionale da Vittorio Emanuele II.

1943: gli Uffizi subiscono gravi danni durante la Seconda Guerra Mondiale, ma la maggior parte delle opere d'arte viene salvata grazie agli sforzi di evacuazione.

1965: agli Uffizi vengono condotti importanti ristrutturazioni e ampliamenti.

1989: viene avviato il progetto di ristrutturazione dei Nuovi Uffizi per modernizzare le sale e aumentare lo spazio espositivo.

1993: il 27 maggio 1993, Cosa Nostra fa esplodere un'autobomba in Via dei Georgofili danneggiando alcune parti del museo.

2021: dopo un'altra ristrutturazione che ha portato all'aggiunta di 14 nuove sale e all'esposizione di altre 129 opere d'arte, gli Uffizi riaprono al pubblico.

Storia dettagliata della Galleria degli Uffizi

Uffizi Gallery - History

Le origini

XVI secolo

Cosimo I de Medici commissionò a Giorgio Vasari la costruzione degli Uffizi come centro amministrativo e giudiziario di Firenze. Tredici uffici dei Magistrati furono trasferiti al piano terra dell'edificio, mentre il primo piano ospitava gli uffici amministrativi e le botteghe del Granduca.

Fu costruito un passaggio sopraelevato tra il nuovo edificio e Palazzo Vecchio. Nel 1565, in occasione del matrimonio tra Francesco I e Giovanna d'Austria, fu costruito un altro passaggio tra gli Uffizi e Palazzo Pitti. L'edificio fu completato da Alfonso Parigi e Bernardo Buontalenti dopo la morte di Giorgio Vasari.

Francesco I de' Medici, che fu Granduca dal 1574 al 1587, creò il primo allestimento museale nella Galleria al secondo piano, dove oggi sono esposte le opere del Rinascimento di Botticelli e da Vinci.

Uffizi Gallery - storia

Dall'ufficio al museo

XVII secolo

Nel corso del 1700 gli Uffizi iniziarono a diventare lo spazio culturale che conosciamo oggi. Tra il 1658 e il 1679, durante il regno di Ferdinando, furono affrescate le pareti del corridoio occidentale.

Tra il 1696 e il 1699 il Granduca Cosimo III fece decorare il corridoio che si affaccia sull'Arno con affreschi religiosi.

Cosimo III fu anche responsabile del trasferimento di alcune delle statue antiche più famose come la Venere de' Medici, i Lottatori e l'Arrotino da Villa Medici a Roma a Firenze. Tutte queste opere furono collocate nella Tribuna da Bernardo Buontalenti.

Uffizi storia

Gli Uffizi aprono al pubblico

XVIII secolo

Nel 1737, il Granduca Gian Gastone morì senza eredi, segnando la fine della dinastia dei Medici. Nel 1735, le potenze europee accettarono di concedere il Granducato di Toscana a Francesco I di Lorena, che era sposato con Maria Teresa d'Austria, l'erede al trono imperiale.

Nel 1743, l'ultima Medici, Anna Maria Luisa de Medici, firmò il Patto di Famiglia che lasciava tutto in eredità allo stato toscano dietro la promessa che nessuna opera d'arte avrebbe lasciato Firenze. Il museo così come lo conosciamo fu inaugurato nel 1769, anche se alcune opere sono state spostate in altri musei di Firenze.

Il successore di Francesco, Leopoldo II, Granduca di Toscana, aprì la Galleria al pubblico nel 1769. Egli commissionò a Zanobi del Rosso la creazione di un nuovo ingresso al museo. Giuseppe Pelli Bencivenni e Luigi Lanzi furono incaricati di riorganizzare la collezione secondo una logica razionale ed educativa. Nel 1779, la Sala della Niobe, in stile neoclassico, fu progettata da Gaspare Maria Paoletti per ospitare l'antico gruppo di statue raffiguranti Niobe e i suoi figli, provenienti da Villa Medici a Roma.

storia della galleria degli uffizi

Gli Uffizi diventano un museo nazionale

La Galleria degli Uffizi ha subito importanti ristrutturazioni nel XIX secolo. Nel 1849 Vittorio Emanuele II dichiarò gli Uffizi museo nazionale. In questo periodo la galleria si arricchì di importanti opere d'arte come La nascita di Venere di Sandro Botticelli e L'Annunciazione di Leonardo da Vinci.

Tra il 1842 e il 1856 Leopoldo II commissionò 28 statue che raffiguravano famosi personaggi toscani dal Medioevo al XIX secolo. Queste furono collocate nelle nicchie del colonnato della piazza.

Tra il 1865 e il 1871, quando Firenze era capitale del Regno d'Italia, il Teatro Mediceo nell'ala orientale dell'edificio fu la sede del Senato. Durante questo periodo, le statue rinascimentali furono trasferite nel nuovo Museo Nazionale del Bargello, mentre la Galleria fu in gran parte utilizzata per esporre dipinti. Nel 1889 il teatro fu diviso in due per essere utilizzato come spazio espositivo.

Gli Uffizi subirono gravi danni durante la Seconda Guerra Mondiale, ma la maggior parte delle opere d'arte si salvò grazie agli sforzi di evacuazione.

Uffizi Gallery - History

Ristrutturazioni ed espansioni

XX secolo

Durante questo periodo la Galleria degli Uffizi subì una serie di cambiamenti. Nel 1956, gli architetti Giovanni Michelucci, Carlo Scarpa e Ignazio Gardella riorganizzarono le prime sale della galleria.

Nel 1965 gli Uffizi subirono importanti ristrutturazioni e ampliamenti, tra cui il restauro del Corridoio Vasariano. Nel 1991 gli Uffizi hanno aperto il Corridoio Vasariano che collega gli Uffizi a Palazzo Pitti attraverso il fiume Arno.

Il progetto di ristrutturazione dei Nuovi Uffizi è stato avviato nel 1989 per rinnovare e modernizzare le sale e aumentare lo spazio espositivo. Vennero aggiornati l'illuminazione, il sistema per l'aria condizionata e i sistemi di sicurezza. Il museo rimase aperto, chiudendo le sale coinvolte nelle ristrutturazioni solo quando necessario.

Il 27 maggio 1993, Cosa Nostra fece esplodere un'autobomba in Via dei Georgofili. Cinque persone rimasero uccise nell'incidente e alcune parti del palazzo subirono ingenti danni. Cinque opere d'arte degli Uffizi furono distrutte, mentre altre 30 furono danneggiate. Alcune opere sono state protette grazie a un involucro di vetro antiproiettile. La sala della Niobe ha subito i danni peggiori. Anche se la sala, le sculture e gli interni sono stati restaurati, molti affreschi sono stati distrutti in modo irreparabile.

Uffizi storia

Ai giorni nostri

XXI secolo

Nel 2006 è stato completato un progetto volto ad ampliare lo spazio espositivo del museo da 6.000 m² a quasi 13.000 m². Questo ha permesso al museo di esporre molte opere che di solito venivano lasciate nel deposito.

Il progetto di ristrutturazione dei Nuovi Uffizi è proseguito dal 2015 al 2017. Il progetto ha aumentato la capacità espositiva a 101 sale ampliando le aree precedentemente utilizzate dall'Archivio di Stato di Firenze.

A causa della pandemia di Covid-19, il museo è stato chiuso per 150 giorni nel 2020. Nonostante la chiusura, gli Uffizi sono rimasti uno dei musei d'arte più visitati al mondo. Il museo ha riaperto nel maggio 2021 a seguito di una ristrutturazione che ha portato all'aggiunta di 14 nuove sale e all'esposizione di altre 129 opere d'arte. L'obiettivo dell'ampliamento era quello di creare spazio per i gruppi storicamente sottorappresentati, tra cui donne e persone di colore.

Introduzione alla Casata dei Medici

La Casata dei Medici era una ricca famiglia di banchieri che ha reso Firenze un centro di grande importanza politica ed economica nel XIII secolo. Sotto la guida di da Cosimo de' Medici, i membri di questa famiglia diventarono noti anche aver profuso grandi quantità di denaro facendo da mecenati per lo sviluppo delle arti, della letteratura e delle scienze.

I Medici patrocinarono anche la costruzione degli Uffizi e giocarono un ruolo fondamentale nello sviluppo della Galleria commissionando opere d'arte ad alcuni degli artisti più famosi del mondo. Alla famiglia Medici va il merito di aver trasformato Firenze in uno dei principali centri culturali d'Europa e il loro mecenatismo è stato determinante nel coltivare la passione per le arti in tutti i cittadini di Firenze e in tutti i visitatori degli Uffizi.

Architettura della Galleria degli Uffizi

Uffizi Gallery - History

L'edificio degli Uffizi è stato progettato come una struttura a U. Il lungo corridoio termina sul fiume Arno dove è possibile vedere il Ponte Vecchio attraverso uno schermo. L'architetto dell'edificio fu Giorgio Vasari, la stessa persona che progettò un corridoio unico che avrebbe collegato gli Uffizi a Palazzo Pitti attraverso il Ponte Vecchio.

La Galleria degli Uffizi è composta da numerose sale, ognuna delle quali espone opere d'arte di epoche e stili diversi provenienti dalla vasta collezione dei Medici. Gli Uffizi ospitano anche un'imponente biblioteca contenente migliaia di libri e manoscritti, oltre a un teatro utilizzato per ospitare eventi speciali durante l'anno. Gli Uffizi sono un bellissimo esempio di architettura rinascimentale e uno dei punti di interesse storico più importanti e apprezzati di Firenze.

La Galleria degli Uffizi ai giorni nostri

Gli Uffizi sono attualmente una delle gallerie d'arte più visitate al mondo e continuano ad essere una delle principali attrazioni turistiche di Firenze. Le mostre degli Uffizi presentano opere d'arte di tutte le epoche, dalle antiche sculture greche ai capolavori del XX secolo. Gli Uffizi sono uno splendido esempio di architettura rinascimentale e un motivo di vanto per tutti i fiorentini. La sua grande collezione di opere d'arte, unita alla sua particolare storia, ne fanno una delle gallerie d'arte più rinomate al mondo.




Seleziona i tuoi biglietti per la Galleria degli Uffizi

Tour guidato Salta la Coda della Galleria degli Uffizi
Cancellazione gratuita
Biglietti per cellulari
1 h 30 min
Tour guidato
Altri dettagli
a partire da
50,67 €
Biglietti per gli Uffizi
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
Durata flessibile
Audio-guida
Altri dettagli
a partire da
19,90 €
Combo (5% di sconto): tour guidato della Galleria degli Uffizi + tour guidato della Galleria dell'Accademia
Cancellazione gratuita
Biglietti per cellulari
Durata flessibile
Tour guidato
Altri dettagli
a partire da
91,84 €
Combo: Ingresso agli Uffizi + ingresso alla Galleria dell'Accademia con Host
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
Durata flessibile
Altri dettagli
a partire da
69 €

Domande frequenti sulla storia della Galleria degli Uffizi

Cosa c'è di storico nella Galleria degli Uffizi?

Costruiti nel 1560 da Giorgio Vasari e commissionati dalla famiglia Medici, gli Uffizi sono una delle gallerie d'arte più antiche del mondo. La collezione della Galleria ospita una grande varietà di opere d'arte appartenenti a una serie di correnti artistiche.

Chi erano i membri della famiglia Medici?

La famiglia Medici era una potente e influente dinastia fiorentina che ha svolto un importante ruolo politico ed economico nel XIV secolo. I Medici patrocinarono la creazione di opere per gli Uffizi commissionando lavori ad alcuni degli artisti più famosi del mondo e trasformando Firenze in uno dei principali centri culturali d'Europa.

Per cosa era famosa la famiglia Medici?

La famiglia Medici era una ricca famiglia di banchieri con la passione per l'arte che finanziò progetti rinascimentali in Europa. I membri della famiglia ospitavano spesso artisti a Firenze e commissionavano opere d'arte per i loro palazzi e le tombe di famiglia, tra cui le Cappelle Medicee.

Ci sono membri della Casata dei Medici ai giorni nostri?

L'ultimo erede dei Medici morì senza eredi maschi nel 1737, ponendo fine alla dinastia della famiglia dopo quasi tre secoli. Sebbene alcuni discendenti della famiglia Medici siano ancora vivi e attivi in vari campi, non detengono più alcun potere o autorità formale. Alcuni membri della famiglia Medici sono stati coinvolti in attività filantropiche e alcuni hanno continuato a mantenere un legame con le arti e il patrimonio culturale di Firenze.

Quanto tempo è stato necessario per costruire la Galleria degli Uffizi?

La Galleria degli Uffizi fu commissionata nel 1560 e la sua costruzione richiese quattro anni. La Galleria fu progettata dall'architetto Giorgio Vasari e costruita per la famiglia Medici per diventare un ufficio amministrativo. Gli Uffizi rimasero un ufficio pubblico fino a quando non furono convertiti in una galleria d'arte nel 1584.

Cos'era la Galleria degli Uffizi prima di diventare un museo?

Gli Uffizi furono originariamente costruiti per diventare gli uffici amministrativi della famiglia Medici. Solo nel 1584, quasi 25 anni dopo il loro completamento, gli Uffizi furono convertiti in una galleria d'arte.

In quale anno gli Uffizi sono diventati una galleria d'arte?

La Galleria degli Uffizi fu ufficialmente aperta al pubblico nel 1765. Prima di allora, il secondo piano dell'edificio degli Uffizi era utilizzato come galleria d'arte privata dalla famiglia Medici. Durante il regno di Francesco I de' Medici, Granduca di Toscana, fu creata per la prima volta una galleria al secondo piano dell'edificio per esporre le opere d'arte come si farebbe in un museo. Tuttavia, fu solo a metà del XVIII secolo che la galleria fu aperta al pubblico.

Quando è stata aperta al pubblico la Galleria degli Uffizi?

Gli Uffizi furono aperti al pubblico nel 1769.

Per quale motivo la Galleria degli Uffizi è così importante?

Gli Uffizi sono un'attrazione tra le più importanti di Firenze: la loro storia e l'imponente collezione di opere d'arte ne fanno una delle gallerie d'arte più rinomate al mondo. Gli Uffizi hanno svolto un ruolo fondamentale nel trasformare Firenze in uno dei principali centri culturali d'Europa.

Che tipo di opere d'arte posso vedere agli Uffizi?

La Galleria degli Uffizi presenta una grande varietà di opere d'arte di epoche diverse, dalle sculture dell'antica Grecia ai capolavori del XX secolo.

Qual è il dipinto più antico della Galleria degli Uffizi?

La Croce 432, che prende il nome dal suo numero di inventario nel 1890, è considerata uno dei dipinti più antichi della Galleria degli Uffizi. Si tratta di un dipinto a tempera su tavola che raffigura una scena di crocifissione con Maria e San Giovanni Evangelista che affiancano la croce. Si ritiene che il dipinto sia stato realizzato da un anonimo maestro toscano nato prima del 1200.

Altre letture